Skip to content

Il diritto marittimo negli USA e le connessioni con gli operatori italiani

Il diritto marittimo negli USA e le connessioni con gli operatori italiani

jones-act-marittimi-italiani

(articolo pubblicato su TopLegal Focus: Marittimo e Trasporti)

JONES ACT. Dalla legge Americana le opportunità per armatori e marittimi Italiani anche innanzi alle Corti USA.

Come è noto, l’attuale legge Americana, denominata JONES ACT, che disciplina il commercio marittimo, è una normativa che risale addirittura al 1920 e determina vincoli molto stringenti circa il trasporto di merci fra i porti Americani ma anche Hawaii, Alaska e Porto Rico; prevede, inoltre, che, qualsiasi marinaio che subisca lesioni psicofisiche conseguenti al lavoro svolto a bordo, può intentare azione giudiziaria innanzi ad una corte Federale o Statale, nei confronti dei propri datori di lavoro per negligenza dell’Armatore, ma anche per gli atti compiuti dal Comandante e altri membri dell’equipaggio.

Per stabilire quali siano i soggetti (marinai) che sono garantiti dal JONES ACT, è necessario dimostrare che il marinaio trascorra almeno il 30% del suo tempo a bordo di navi in navigazione; solo i soggetti così qualificati come marinai hanno il diritto di intentare un giudizio con giuria invocando il JONES ACT.

Chi sono i destinatari del JONES Act

Il periodo di prescrizione è di tre anni dalla data in cui si verifica l’evento che ha prodotto il danno, o dalla data del decesso del marinaio, o dalla data in cui il danneggiato o i suoi eredi hanno avuto piena conoscenza che il danno sia dipendente da un evento accaduto a bordo. Allo stesso modo, la conoscenza della citata normativa non solo è rilevante anche per gli armatori Italiani ed Europei che si occupano di trasporto di merci negli USA, ma anche per tutti quei marinai italiani che per molti anni hanno lavorato a bordo delle navi di proprietà degli americani: basti solo pensare a quanti di loro hanno lavorato sulle navi di proprietà delle grandi società americane che trasportavano petrolio.

Non vi è ormai dubbio che la giurisdizione per giudizi di questo genere sia quella del Giudice americano, in ossequio al principio del forum commissi delicti, vale a dire che la giurisdizione va stabilita in relazione al luogo dove si è verificato l’evento che ha provocato il danno. A tal riguardo, cito la disciplina prevista dalla Convenzione di Bruxelles del 1968 art. 5 n. 3, nonché dal più recente Regolamento Europeo n. 1215 del 2012 art. 7 n. 2.

Il lavoro dello Studio Legale Petruzzelli&Partners per i marittimi italiani

Nello specifico, in https://www.studiopetruzzelli.com/partnership-internazionali/partnership con alcuni studi legali statunitensi, il nostro studio ha ottenuto cospicui risarcimenti a favore di numerosi marinai Italiani che, lavorando a bordo di navi petroliere, o passeggeri o da carico, hanno contratto una malattia neoplastica asbesto correlata, che, come è noto, è purtroppo inguaribile.

I giudizi che si sono conclusi con il riconoscimento di somme milionarie a favore dei diretti interessati o dei loro eredi, sono stati intentati dinanzi alle supreme corti degli stati della California, Delaware, Texas, Louisiana, New York, New Jersey.

Scritto dall’Avv. Pierpaolo Petruzzelli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Questo sito utilizza Cookie per renderti l'esperienza di navigazione migliore. Proseguendo accetti la Privacy Policy